Nel nostro ultimo post abbiamo visto cosa sono e come riconoscere il blocco lombare acuto (colpo della strega) e la sciatalgia (o sciatica). Come abbiamo detto, il mal di schiena è un problema con cui i chiropratici hanno molto a che fare e queste due tipologie sono senz’altro tra le più comuni.

Oggi, facciamo un passo oltre e approfondiamo l’argomento sciatalgia. Se ne hai già sofferto, sai bene quanto possa essere fastidiosa e limitante. Ma sai che esistono forme di “pseudo-sciatalgia”? Si tratta di stati che, per i sintomi accusati, possono essere facilmente confusi con la sciatica.

Scopri insieme a noi dello studio di chiropratica Sanrocco quali sono le differenze tra sciatalgie e finte sciatalgie.

La vera e propria sciatalgia

Una sciatica è tipicamente causata da un’ernia del disco: il nervo sciatico è composto da più radici che hanno origine nel foro tra due vertebre lombari; se una parte del disco fuoriesce e comprime una di queste radici, si proverà dolore o formicolio lungo il percorso del nervo che origina dalla radice compressa.

Le sciatalgie, inoltre, possono essere causate da:

  • problemi metabolici (es. diabete)
  • scompensi nutrizionali
  • problemi circolatori
  • molto più raramente, infezioni del nervoosteofiti (artrosi) o tumori.

Quando la sciatalgia non è sciatalgia

Gli stessi sintomi di una sciatalgia possono essere causati dalla sindrome del piriforme, ovvero una contrattura del muscolo piriforme, situato tra osso sacro e femore, che comprime il vicino nervo sciatico.

Spesso, invece, vengono diagnosticati come sciatalgie dolori che sono invece da attribuirsi a una postura o deambulazione scorrette, a causa delle quali i muscoli delle gambe devono lavorare in maniera asimmetrica: se una gamba si sforza più dell’altra, i suoi muscoli inizieranno a un certo punto a “lamentarsi”, producendo sintomi simili a quelli di una sciatalgia vera e propria.

Anche la tensione della dura madre può produrre una trazione sulle radici nervose, creando sintomi simili.

Infine, vi è il fattore iatrogenico: alcuni medicinali (ad esempio le statine contro il colesterolo) danneggiano il metabolismo cellulare dei muscoli, i quali possono diventare dolenti, spesso in un arto, mimando così i sintomi di una sciatalgia.

La sindrome della cauda equina

In rari casi, un’ernia del disco può essere centrale e comprimere quindi non solo i nervi che raggiungono le gambe: questa eventualità si chiama sindrome della cauda equina ed è caratterizzata da sciatalgia in entrambe le gambe con perdita della ritenzione urinaria e intestinale: questa sindrome costituisce un’emergenza chirurgica e in questo caso bisogna rivolgersi immediatamente al pronto soccorso.

Ora sai che quando avverti il tipico dolore da sciatalgia, potrebbe anche trattarsi di un altro tipo di patologia. Per questo, il nostro consiglio è quello di rivolgerti subito al tuo medico o a un esperto di chiropratica, invece di rimanere a letto in compagnia degli antidolorifici. Come ben sai, i farmaci fanno sì passare, ma non curano le cause. La chiropratica sì.

Contattaci per avere maggiori informazioni sull’approccio della chiropratica alla sciatagia e a tutti gli altri tipi di mal di schiena.