Sfortunatamente oggi la maggior parte di ciò che viene chiamato “guarire” ha poco a che vedere con la guarigione vera e propria. Si tratta per lo più di un primo soccorso, che si limita ad aggiustare le ossa, ricucire i lembi di pelle, rimuovere corpi estranei, prevenire le ricadute dovute ad attività improprie, e rimuovere fattori che causano danni immediati.

In ultima analisi, oggi la guarigione spesso si riduce ad un controllo dei sintomi. Normalmente si tratta di prendere farmaci che abbassano la temperatura in caso di febbre, uccidono germi, eliminano il dolore, cioè in un modo o nell’altro modificano la chimica dell’organismo. Non possiamo perciò parlare di guarigione vera e propria, se non si va alla ricerca della causa del problema.

– Gli antibiotici aumentano forse la resistenza di una persona che era così debole ed esaurita da essere terreno fertile per i germi?
– L’assunzione di farmaci per curare l’ipertensione corregge forse il cattivo funzionamento dell’organismo che causa l’innalzamento della pressione?
– Somministrare farmaci ai bambini per calmarli risolve forse la causa del loro comportamento?

Tutti conosciamo persone che possiamo considerare vere e proprie farmacie ambulanti, che devono costantemente prendere farmaci, ogni giorno, alcuni addirittura ogni ora, per settimane, mesi, anni e che nonostante ciò non sono ancora guarite. Inoltre è risaputo che gli effetti collaterali dei farmaci possono essere e sono causa di notevoli danni alla salute. Indubbiamente ci sono situazioni in cui il farmaco è necessario, ma dobbiamo renderci conto delle sue qualità e dei suoi limiti per poterlo utilizzare con saggezza.

natural healingIl metodo Sanrocco invece si basa su una fondamentale premessa:

tutti gli esseri viventi possiedono una “conoscenza” , una “intelligenza” innata che si esprime nella rigorosa organizzazione delle funzioni e dei principi vitali che caratterizzano la straordinaria complessità dell’organismo. La capacità di guarire noi stessi che è sempre presente e che ci aiuta a mantenerci sani e ci guarisce quando siamo malati è un riflesso di questa intelligenza.

 

Possiamo farvi un esempio.

Cosa succede se vi fate un taglio alla mano ? Ovviamente cominciate a sanguinare, non è una sorpresa. Ma quasi immediatamente si verifica qualcosa di veramente sorprendente: il sangue intorno alla ferita inizia a coagularsi. La coagulazione è necessaria per sigillare la ferita, impedire altre perdite di sangue e l’insorgere di infezioni. L’atto della coagulazione è un susseguirsi di diverse reazioni chimiche che devono verificarsi in un ordine ben preciso. Il sangue, tuttavia, si coagula in ogni essere vivente, anche in coloro che non possiedono nozioni di biologia o di medicina!

Inoltre, ogni elemento estraneo all’organismo che è penetrato nella ferita, come la polvere o i batteri, i virus o altri micro organismi, viene eliminato da un grande esercito di sostanze ed elementi che pattuglia e protegge anche l’angolino più nascosto del nostro corpo. I soldati che compongono questo esercito hanno dei nomi buffi: globuli bianchi, leucociti, neutrofili, mastcellule, cellule killer, anticorpi e altri.

guarire naturaleMa non è necessario conoscere i loro nomi o sapere come sono fatti e nemmeno sapere che esistono perché essi possano compiere il loro lavoro.

Sopra la ferita si formerà perciò una crosta, la pelle si rimarginerà ed in poche settimane tornerà come nuova, come se non fosse mai stata danneggiata. E tutto questo avviene in modo naturale.
Sia che il taglio fosse nella mano di un anziano, di un bambino, di una persona affetta da artrite o asma, la ferita guarirebbe! Sì, la capacità di guarire rimane inalterata. Si tratta di una funzione vitale ed esiste indipendentemente dal fatto che siate affetti o meno da una delle mille o più malattie conosciute che affliggono l’umanità.

L’organismo possiede la magica capacità di guarire, un “guaritore interno” che funziona sempre, sani o malati che siamo. Riuscite a capire? I professionisti sanitari  sono costantemente sorpresi dalla potenza della capacità innata di guarire.

Questa capacità è stata descritta da un punto di vista filosofico, scientifico e religioso. E’ stata definita “saggezza del corpo” , “il Dio con noi”, “la saggezza della natura”, “forza vitale” e così via.
E’ sempre con noi, giovani o anziani, sani o malati che siamo. E’ l’eccezionale qualità della vita di ogni essere vivente. A questo scopo è emerso un nuovo settore della medicina, la psiconeuroimmunologia, che esplora le relazioni esistenti tra la mente e il sistema immunitario e di base ha la stessa filosofia del Sanrocco.

Ma se possediamo questa capacità, sempre presente in noi, perché ci ammaliamo? Per quale ragione non possiamo restare sempre sani?

Nonostante l’incredibile capacità del corpo umano di guarire, ci sono tanti elementi che possono influenzare il nostro potenziale di guarigione, l’uomo è incredibilmente complesso e profondo. Certamente sono da considerare i fattori genetici o costituzionali che possono aumentare o diminuire il nostro potenziale di guarigione.

intelligenza naturaleI fattori che influenzano la salute e prese in considerazione al Sanrocco sono a livello strutturale, biochimico, mentale e elettromagnetico. Di recente tante ricerche hanno confermate che anche la salute emotiva ha un ruolo importante  nella guarigione fisica.

Questa è la ragione per cui tante persone con problemi di salute così diversi traggono beneficio dai trattamenti al Sanrocco senza farmaci e interventi chirurgici. Il compito  di ognuno di noi al Sanrocco  è di aumentare il più possibile la capacità di guarigione naturale, o innata, del paziente. Abbiamo esplorato altri campi, altri approcci, altre conoscenze che hanno fornito nuove chiavi per aprire le molteplici porte (strutturale, chimico,  mentale e elettromagnetico) che conducono alla salute.

Esistono condizioni  fisiche che possono interferire con l’esprimersi di questa intelligenza interiore, questa energia vitale di guarigione del nostro corpo. Si tratta di   “sublussazione vertebrale e articolare” è quello che il paziente riferisce  ” mi sento la schiena o l’articolazione bloccata“.

Ciò  interferisce con la corretta funzione del sistema nervoso, cioè il sistema di comunicazione che unisce l’intelligenza interiore, o intelligenza innata, con il cervello e  nostro corpo fisico. Si crea cosi quella situazione di malessere che permette l’instaurarsi di qualsiasi tipo di malattia. In questa condizione di malessere le energie vengono bloccate, la forza ridotta, la capacità di resistere alla malattia diminuita e la capacità di adattarsi allo stress della vita quotidiana compromessa.

Nell’individuo, la valutazione dell’impatto funzionale della sublussazione vertebrale, unita all’approccio di tipo correttivo-terapeutico, esprime, nella sua essenzialità, gran parte delle problematiche cliniche che noi al Sanrocco affrontiamo quotidianamente.

Quando il chiropratico esegue un aggiustamento della colonna o altra articolazione non solo ne ripristina le mobilità,  ma permette anche  al corpo di lavorare in modo più naturale ed ai nervi di comunicare con più efficienza. Il “dottore interno” viene così risvegliato e il corpo è nuovamente in comunicazione con le forze vitali, l’energia e la vita.  vertebra mobile

Gran parte delle persone di questo pianeta non hanno mai fatto controllare la loro colonna vertebrale quindi mai eliminato lo stress dai nervi e, probabilmente, non lo faranno mai. E’ un peccato perché la  sublussazione è molto frequente nella nostra società e interferisce con la capacità di guarigione totale.

Per questa ragione è importante sottoporsi al controllo periodico della colonna vertebrale effettuato dal chiropratico. La domanda che viene spontanea a questo punto è: se la mia colonna è in buone condizioni, non mi ammalerò mai? Magari fosse così semplice!

La migliore assicurazione contro la malattia è la prevenzione. Farsi controllare periodicamente la colonna vertebrale è uno dei metodi più efficaci per vivere in uno stato di benessere e per aumentare al massimo il potenziale di guarigione innato.