Il mal di schiena è il problema a cui è stato dedicato l’Anno Mondiale contro il Dolore 2021 dall’International Association for the Study of Pain (IASP), associazione internazionale che si occupa dello studio del dolore, per l’appunto. Come mai tanta attenzione verso questo disturbo? Perché è davvero molto diffuso. Dati del 2017 ci dicono che la lombalgia, quindi il dolore nella parte bassa della schiena, con eventuale irraggiamento alle gambe, riguarda 577 milioni di persone (fonte: L’impatto mondiale della lombalgia).

Ecco, se sei una delle persone afflitte spesso dal mal di schiena, adesso sai che ci sono moltissime persone che in tutto il mondo hanno a che fare con questo stesso problema. Sappiamo che è una magra consolazione e, infatti, qui vogliamo fare qualcosa di più per te: raccogliere consigli su ciò che è meglio fare e su ciò che è meglio evitare. Ti parleremo anche dei segnali da ascoltare. Perché sì, il nostro corpo ci parla e a noi spetta il compito di… non ignorarlo! Ma andiamo con ordine.

Cosa fare se soffri spesso di mal di schiena

Moltissime persone che arrivano nella nostra clinica chiropratica a causa del mal di schiena hanno già provato di tutto – dalle terapie farmacologiche a quelle strumentali – senza risolvere il disturbo, se non in modo temporaneo. La questione è che spesso non si arriva alla causa principale del mal di schiena, ma ci si concentra principalmente sulla risoluzione veloce dei sintomi.

In generale, risalire alle cause è quello che si dovrebbe fare sempre quando c’è un problema di tipo muscoloscheletrico. Non basta mettere a tacere il sintomo o occuparsi solo delle “cause intermedie”. Noi chiropratici sosteniamo che ci sia sempre un’origine da cui discende il problema. Ecco alcune delle principali cose che controlliamo:

  • Ci sono problemi di malocclusione dentale (ossia problemi relativi al modo in cui le due arcate dentarie entrano in contatto tra loro quando la bocca è chiusa)?
  • C’è una dismetria degli arti inferiori (una gamba è più corta dell’altra)?
  • Ci sono problemi relativi all’appoggio dei piedi (per esempio i piedi piatti)?
  • In passato ci sono stati traumi (non solo incidenti, ma anche una caduta a terra)?

Il primo consiglio che ti diamo, quindi, è quello di non limitarti alla ricerca di una soluzione al dolore, ma approfondire, con l’aiuto di specialisti, per arrivare alla causa (o alle cause) del tuo mal di schiena. 

Non possiamo poi esimerci dal ricordarti che uno stile di vita sano è l’ABC per mantenerti sempre in forma: attività fisica praticata nella giusta misura, corretta alimentazione e buona idratazione sono i 3 pilastri del benessere, della schiena e non solo. A proposito, abbiamo pubblicato qualche tempo fa un articolo che contiene consigli su come riuscire a integrare nella propria vita quotidiana la camminata, il mangiar bene e la buona abitudine di bere più acqua.

Cosa NON fare per evitare il mal di schiena

Abbiamo visto cosa possiamo fare in caso di mal di schiena ricorrente. Ma è altrettanto importante sapere cosa non fare. Ecco la nostra lista di cose da evitare:

  • Spostare mobili pesanti o sollevare oggetti pesanti assumendo posture che mettono sotto sforzo la schiena.
  • Stare con la schiena affossata nella poltrona o nel divano.
  • Lavorare su sedute non ergonomiche e, in generale, a postazioni che costringono ad assumere posture scorrette (fai attenzione anche alla postura che assumi mentre guidi).
  • Stare in posizione seduta troppo a lungo (la pressione sulla colonna vertebrale aumenta del 40% da seduti) senza fare pause per fare due passi o un po’ di stretching.
  • Stare in piedi per troppo tempo in posizione statica, posando il peso del corpo sempre sulla stessa gamba.
  • Esagerare con lo sport, soprattutto quando non si è allenati – questo è un consiglio che ti diamo perché capita che in alcuni periodi dell’anno, per esempio durante le vacanze, si decida di cominciare a fare sport da un giorno all’altro senza aver preparato adeguatamente il proprio organismo.

Veniamo adesso all’ultima parte del nostro approfondimento e impariamo a riconoscere i segnali d’allarme.

Quali segnali ascoltare per tener lontano il mal di schiena

Lo abbiamo detto: il nostro corpo “parla”. Solo che spesso non sappiamo decifrare i suoi messaggi. Potrebbe esserti utile, allora, sapere quali sono i possibili segnali d’allarme, quelli che ti sussurrano: “Fai attenzione, il mal di schiena è in arrivo!”. Ecco, prova a capire se avverti dolore, affaticamento o rigidità nella zona lombare in queste situazioni:

  • quando ti siedi e quando ti alzi dalla sedia o dal divano;
  • quando entri o esci dall’automobile;
  • quando raccogli qualcosa da terra;
  • quando torni in posizione eretta dopo aver piegato la schiena per pochi minuti (per esempio quando ti lavi il viso).

Altri possibili segnali sono questi:

  • non riesci a trovare una posizione comoda per dormire oppure continui a girarti e rigirarti nel letto per trovarla;
  • continui a spostarti sulla sedia per trovare una posizione comoda.

Siamo arrivati alla fine di questo focus. Ti auguriamo di liberarti il prima possibile del tuo mal di schiena e ti invitiamo a leggere un altro nostro articolo in cui trovi 10 segnali di una schiena che ha bisogno della chiropratica.

Sanrocco

Author Sanrocco

More posts by Sanrocco

Sanrocco Como

Via Fratelli Recchi, 7
22100 Como

T: +39 031 574444
E: info@sanroccochiropratica.it

Sanrocco Sondrio

Via Trieste, 62
23100 Sondrio
T: +39 3496253093
E: info@sanroccochiropratica.it

Sanrocco Reggio Emilia

Via Del Fante, 5/D
42124 Reggio Emilia
T: +39 0522511211
E: info@sanroccochiropratica.it