Rieccoci a parlare di sciatalgia. Nelle scorse settimane abbiamo già dedicato altri due post ai consigli per combattere il mal di schiena (se te li sei persi, puoi leggerli qui e qui), ma ci sono ancora molte altre informazioni che vogliamo condividere con te sull’argomento.

Continua a leggere e scopri le indicazioni che qui alla clinica chiropratica Sanrocco diamo ai pazienti che chiedono la nostra consulenza su problemi legati al mal di schiena.

Quelli che seguono sono consigli per chi soffre di blocco lombare acuto o sciatalgia diagnosticati da un medico. Alcune patologie gravi possono causare gli stessi sintomi e devono pertanto essere escluse tramite una visita accurata. Lo scopo di questo testo è di fornirti informazioni che possano procurarti sollievo temporaneo o aiutarti a mantenere le correzioni effettuate dal chiropratico. Questo post non può in alcun modo sostituire una visita medica.

 

Come muoversi in caso di mal di schiena

come muoversi con la sciatalgiaIniziamo a vedere quali movimenti evitare se soffri di sciatalgia. Innanzitutto, devi sapere che un disco, specie se erniato, soffre particolarmente se sottoposto a rotazione o, peggio ancora, a una combinazione di flessione e rotazione.

Mentre si dorme, non c’è una linea guida fissa sulle posizioni ideali da assumere. In generale, la cosa migliore da fare è cercare di dormire su un fianco, con la testa allineata rispetto al bacino (e non piegata in avanti) e con un cuscino sufficientemente alto perché il collo stia dritto.

Quando insorgono dolori, però, a seconda delle articolazioni coinvolte, diverse posizioni possono dar sollievo: il consiglio che possiamo dare è, quindi, quello di trovare da te la posizione in cui ti senti meglio.

Una posizione che solitamente aiuta è la seguente:

  • sdraiati sulla schiena dopo avere posto una sedia davanti a te;
  • solleva le gambe lentamente e, tenendo le ginocchia piegate a 90 gradi, appoggia i piedi sulla sedia.

Per quanto posso sembrare curioso, alcuni pazienti con sciatalgie molto forti possono dormire soltanto assumendo questa posizione.

Attenzione a non fare movimenti bruschi quando ti alzi dal letto. Fa’ così:

  • rimani piegato in avanti quando ti alzi;
  • portati pian piano in posizione eretta (finché riesci).

Dove tieni il portafogli?

Molti uomini tengono il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni. Ciò significa che, ogni volta che si siedono, il loro bacino ha un rialzo su un lato solo.

Pensa che ogni volta che ti siedi con il portafogli in tasca, stai causando al tuo corpo gli stessi danni che provocheresti se camminassi con un rialzo in una scarpa.

È importantissimo mantenere una postura simmetrica. Pensaci d’ora in poi e tieni il portafogli nella tasca anteriore dei pantaloni o nella giacca. Questo consiglio vale come prevenzione anche per chi non ha nessun sintomo.

Come sollevare pesi in modo corretto

I problemi ai dischi sono quasi sempre posteriori: per questo, quando ci si piega in avanti, caricando la parte anteriore, si spinge il nucleo del disco indietro, danneggiandolo ulteriormente.

Se devi sollevare pesi, è importante tener presente queste raccomandazioni:

  • ruota lentamente il bacino in avanti (ovvero spingi le natiche indietro): questo mette la colonna lombare in estensione, spingendo il disco in avanti ossia riducendo eventuali protrusioni/ernie;
  • allarga le gambe. In tal modo abbassi il baricentro e migliori la stabilità;
  • mantenendo la schiena eretta, piega le ginocchia per raccogliere l’oggetto;
  • stendi le ginocchia per sollevare il carico;
  • se a questo punto hai necessità di girarti, non ruotare la colonna, ma girati spostando i piedi.

Ovviamente il modo più sicuro per sollevare un peso è… non sollevarlo affatto.

 

Bevi, bevi, bevi acqua

quanta acqua bereSecondo il dr. F. Batmanghelidj, autore di un libro sul tema, “non siamo malati, siamo solo disidratati”.

Nella nostra società, la mancanza di tempo, l’uso di bevande zuccherate o caffeinate – che, ricorda, non possono in nessun modo sostituire l’acqua –, e l’assenza d’informazione in materia, portano molti di noi a perdere progressivamente lo stimolo della sete, vivendo in uno stato di lieve disidratazione.

Questo può avere effetti deleteri. I dischi intervertebrali contengono un nucleo gelatinoso composto prevalentemente da acqua, così come acquoso è il liquido sinoviale che lubrifica le articolazioni.

L’idratazione è poi essenziale per eliminare le scorie del normale metabolismo muscolare. I muscoli psoas, che sorreggono colonna lombare e i dischi anteriormente, si indeboliscono notevolmente in mancanza d’acqua. Questo può causare un’alterazione delle curve con conseguenti problemi nell’area lombare.

Sai qual è la quantità ideale di acqua da assumere nell’arco della giornata? Circa 1 l per ogni 25 kg di peso.

 

La giusta alimentazione per tener lontano il mal di schiena

mangiare frutta e verduraSì, anche ciò che mangi può influire sul tuo mal di schiena. È importante che il nostro organismo abbia a disposizione le sostanze necessarie per riparare dischi e legamenti danneggiati. La maggior parte di esse si trova in frutta e verdura (di stagione), da consumare in quantità libere e abbondanti.

In casi di ernie discali, è necessario eliminare lo zucchero dalla dieta, poiché è un alimento non naturale e il suo uso stressa le ghiandole surrenali, il che crea un ambiente interno che indebolisce i legamenti.

Invece, bisogna aumentare il consumo di pesce (che contiene acidi grassi omega-3 ad azione antinfiammatoria) ed eliminare grassi idrogenati (leggere le etichette) e olio di mais (ad alto contenuto di omega-6, ad azione pro-infiammatoria).

L’apporto di vitamina B12 aiuta il nervo sciatico a guarire più rapidamente: per questo, porta a tavola carne di organi, uova, manzo e pesce.

Bene, con questo articolo chiudiamo il focus dedicato alla sciatalgia e speriamo che tu possa trarre beneficio dai nostri consigli. Ricorda, però, che più che curare i sintomi è importante risolvere la causa del tuo mal di schiena.

Se vuoi rivolgerti alla chiropratica per dire addio alla sciatalgia, non esitare a contattarci.

 

BIBLIOGRAFIA

Jensen, et al, Magnetic Resonance Imaging of the Lumbar Spine in People without Back Pain, New England Journal of Medicine, vol. 2, 331:69-73, 1994.

Andersson GB. Epidemiological features of chronic low-back pain. Lancet., 1999; 354:581-5.

Manga, et al, A Study to Examine the Effectiveness and Cost-Effectiveness of Chiropractic Management of Low-Back Pain, Ontario Ministry of Health, 1993.

Morter, MT, Chiropractic physiology, 1988. BEST Research, Inc., Arkansas, USA.

Harrison DE, Cailliet R, Harrison DD, Troyanovich SJ, Harrison SO. A review of biomechanics of the central
nervous system-Part I: Spinal deformations resulting from changes in posture. Journal of manipulative and physiological therapeutics, 1999.

Walther, D, Applied Kinesiology-synopsis, System DC, 1988.

Hurwitz, E, Effects of recreational physical activity and back exercises on low back pain and psychological distress: findings from the UCLA low back pain study-UCLA School of Public Health, Los Angeles, USA, in American Journal of Public Health, Oct. 2005.

Barsky et al, Nonspecific medication side effects and the nocebo phenomenon; JAMA, 287 (5): 622-627, 2002.

Santilli et al, Chiropractic manipulation in the treatment of acute low back pain and sciatica with disc protrusion: a randomized double-blind clinical trial of active and simulated spinal manipulations, The Spine Journal, n. 6, 2006.

White AA, Punjabi MM, Clinical Biomechanics of the Spine, Philadelphia: JB Lippincott 1978.

Carragee, et al, Are first-time episodes of low back pain associated with new MRI findings? Presentazione all’Annual meeting of the North american Spine Society, Seattle, 2006.

Laban MM, Macy JA, Meershaert JR, Intermittent Cervical traction-A progenitor of lumbar radicular pain. Archives of Physical Medicine and Rehabilitation, 1992.

Bolton PS. Reflex effects of vertebral subluxations: the peripheral nervous system. An update. J manipulative physiol ther, 2000.

Esposito GM, Una nuova teoria in Kinesologia Odontoiatrica. Il dentista moderno, 1999.

Friedman et al, Systemic steroids ineffective for low back pain; Journal of Emergency medicine, 4: 365370, 2006.

Ito et al, Types of lumbar herniated discs and clinical course; Spine, 26(6): 648-651, 2001.

Waddell, A new clinical model for the treatment of low back pain, Spine, vol.12, n.7, 1997.

F. Batmanghelidj, “Your body’s many cries for water”, Global health solutions, 2008.

Acute Low back problems in adults. Clinical practice guidelines. Bigos S, et al. Agency for health care policy and research publication no.950642 (1994) U.S. Department of health and human services.

Low back pain of mechanical origin: Randomized comparison of chiropractic and hospital outpatient treatment. Meade, TW et al, British Medical Journal 1990; 300:1431-1437

Secondo rapporto Medicare benefits review committee. Thompson CJ. Commonwealth Government printer, Canberra , Australia, Chapter 10 (Chiropractic) June 1986.

New Zeland Report. Hasselberg PD. Government Printer, Wellington-1979

Guaglio G, Seru P, Zucchi E, Disgnazie come causa di scoliosi, in “Bollettino d’informazioni ortodontiche”, 1991.

Esposito GM, Meersseman JP. Valutazione della relazione esistente tra l’occlusione e la postura. Il dentista moderno, 1988.