ApprofondimentiTunnel carpale

La chiropratica per la sindrome del tunnel carpale

By 30 Marzo 2017 Giugno 21st, 2019 No Comments

chiropratica per sindrome del tunnel carpale

Di notte non riesci a dormire, per via di formicolii e scosse alle dita della mano. Pian piano questi disturbi iniziano a presentarsi anche durante il giorno associati a dolore e debolezza. I sintomi della sindrome del tunnel carpale (STC) sono davvero fastidiosi e, sul lungo periodo, possono diventare insopportabili, ancor più quando coinvolgono anche avambraccio, gomito e spalla o se interessano, come spesso accade, entrambi i polsi.

È chiaro che una situazione del genere non si può sopportare a lungo, per cui bisogna correre ai ripari.

Che cos’è il tunnel carpale e quando insorge la STC
Il tunnel carpale è una struttura che si trova all’interno del nostro polso. È costituito dalle ossa del carpo e dal legamento trasverso del carpo (che funge da tetto del tunnel). Al suo interno passano i tendini di alcuni muscoli flessori e il nervo mediano, che parte dalla cavità ascellare e arriva fino alle dita della mano. Quando questo nervo viene compresso all’interno del tunnel (a causa di un ispessimento del legamento o di un’infiammazione dei tendini o delle guaine tendinee), ecco che si manifestano i sintomi della STC.

Ma come si cura la sindrome del tunnel carpale? Oggi come oggi, la medicina risponde, a seconda della sintomatologia, con:

  • il trattamento conservativo/farmacologico attraverso il riposo, l’uso di tutori, antinfiammatori, infiltrazioni di cortisone eventualmente associati a fisioterapia;
  • l’intervento chirurgico, con il quale si va a liberare il nervo mediano intrappolato tra il legamento trasverso del carpo e le ossa del carpo.

Pochi sanno, però, che la chiropratica è una valida opzione di trattamento per la sindrome del tunnel carpale.

All’origine della sindrome del tunnel carpale

La chiropratica va sempre alla ricerca delle cause all’origine dei disturbi trattati, per eliminarle in modo naturale e non invasivo. Questo approccio vale anche per la sindrome del tunnel carpale. Nella nostra esperienza, abbiamo visto che la STC può essere causata da uno o più dei seguenti fattori:

  • abitudini posturali sbagliate, nella vita quotidiana, al lavoro e durante il sonno;
  • movimenti ripetitivi, come accade nell’ambito di certe professioni. Chi lavora al computer, per esempio, utilizzando tastiera e mouse compie tutti i giorni gesti ripetitivi che possono scatenare l’infiammazione; così come pure accade ai lavoratori nelle catene di montaggio o a chi si occupa di sartoria o di attività di pulizia;
  • lesioni precedenti ai polsi o ai gomiti (come slogature o fratture) che non sono guarite realmente e che hanno creato una situazione di compressione diretta del nervo;
  • lesioni al collo (per esempio, il colpo di frusta) che stressano muscoli e legamenti aumentando il “carico” sui nervi che scendono nelle braccia;
  • alimentazione, a causa dell’assunzione di cibi che rallentano o comunque non favoriscono la circolazione sanguigna e linfatica o di cibi che infiammano (zuccheri, carboidrati, solanacee, latte);
  • carenza di vitamina B6, che produce sintomi quasi identici alla STC di origine compressiva;
  • tensione della dura madre;
  • cambiamenti ormonali dovuti alla gravidanza o alla menopausa.

Una volta individuate le cause, si procede con il trattamento che è sempre personalizzato. Ma vediamo i risultati di alcuni studi.

Gli studi sulla chiropratica contro la sindrome del tunnel carpale

L’efficacia delle terapie chiropratiche per combattere la sindrome del tunnel carpale è stata evidenziata da diversi studi. Tra i più recenti, ce n’è uno del 2010 pubblicato sulla rivista Journal of the Canadian Chiropractic Association.

Questo ha coinvolto 55 soggetti per testare la validità della chiropratica nella cura della STC e ha riportato straordinari risultati: nel gruppo trattato con la chiropratica, infatti, il miglioramento ha interessato il 67% dei soggetti, contro il 50% del gruppo che non è stato sottoposto al trattamento chiropratico.

C’è poi un interessante caso studio del 1994 pubblicato sulla rivista Journal of Manipulative and Physiological Therapeutics. Il caso in questione riguardava una paziente di 42 anni affetta da STC e curata con manipolazioni chiropratiche al tratto cervicale della colonna vertebrale, al gomito e al polso (3 volte a settimana per 4 settimane). Il risultato? Un significativo miglioramento in termini di funzionalità della mano e scomparsa dei sintomi. E questo utilizzando un approccio solo strutturale.

Qui alla clinica Sanrocco, invece, utilizziamo un approccio olistico, basato sul Triangolo della Salute, che prende quindi in considerazione non solo il lato strutturale, ma anche quello biochimico e quello emotivo di ogni paziente.

Insomma, la sindrome del tunnel carpale è un disturbo per cui vale la pena provare le cure naturali della chiropratica anziché ricorrere a farmaci e chirurgia.

Se vuoi saperne di più, contattaci: gli studi della clinica chiropratica Sanrocco si trovano a Como e a Reggio Emilia.