ApprofondimentiCervicale

Cervicalgia e altri problemi che puoi risolvere con la chiropratica

By 30 Aprile 2019 Giugno 21st, 2019 No Comments

Chiropratica per cervicalgia, sindrome del tunnel carpale e scoliosi
Dolore cervicale, sindrome del tunnel carpale e scoliosi hanno una cosa in comune: tutti e tre questi problemi possono essere affrontati con la chiropratica. Ma perché affidarsi proprio ai trattamenti chiropratici? Scopriamolo assieme.

La chiropratica per il dolore cervicale

Se soffri di dolori alla cervicale saprai che tra i rimedi più comuni ci sono farmaci e collari. Ma questi risolvono davvero il problema? Possono aiutare a eliminare i sintomi, certo, ma non sarebbe meglio eliminare la loro causa?

Questo è l’approccio della chiropratica: scoprire la causa del dolore cervicale e agire su questa in modo del tutto naturale. Non solo attraverso gli aggiustamenti manuali, ma anche andando ad apportare delle modifiche nello stile di vita delle persone, per esempio nella loro alimentazione.

Dietro il dolore di origine cervicale ci possono essere decine di cause e fattori predisponenti, di natura strutturale, biochimica o emotiva. E non è detto che il problema sia nell’area del collo: potrebbe trattarsi, per esempio, anche di un blocco a livello sacrale.

Nel 2012, sulla rivista scientifica americana Annals of Internal Medicine, è stato pubblicato uno studio che ha osservato l’efficacia della terapia di aggiustamenti chiropratici, dei farmaci e degli esercizi a casa per il dolore al collo. Hanno partecipato 272 persone, tra i 18 e i 65 anni, affette da cervicalgia. Gli aggiustamenti chiropratici sono risultati più efficaci dei farmaci sia nel breve che nel lungo periodo. (Fonte: Spinal manipulation, medication, or home exercise with advice for acute and subacute neck pain: a randomized trial.)

Con i nostri metodi diagnostici, come quelli della Kinesiologia Applicata, riusciamo ad arrivare all’origine della cervicalgia e scegliamo di conseguenza come intervenire e quali consigli dare per mantenere più a lungo una condizione di benessere.

La chiropratica è efficace per combattere non solo il dolore cervicale ma anche altri disturbi cervicogenici come le vertigini, il mal di testa o la nausea.

Passiamo adesso alla sindrome del tunnel carpale.

La chiropratica per la sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale è un disturbo, diffuso soprattutto tra le donne, che viene trattato con farmaci, infiltrazioni di cortisone, tutori o con il ricorso alla chirurgia. Ancora una volta la chiropratica può costituire un’alternativa naturale e non invasiva.

Anche in questo caso l’approccio è andare alla ricerca dell’origine del problema. Dietro alla sindrome del tunnel carpale può esserci il fattore dei movimenti ripetitivi, ma anche un trauma, come una frattura che non è mai davvero guarita, oppure una carenza di una sostanza importante e persino l’alimentazione, se si portano a tavola tanti cibi che causano infiammazioni.

Ma ci sono studi che dimostrano l’efficacia dei trattamenti chiropratici contro questo problema? Sì. Di uno in particolare abbiamo già parlato in un altro articolo dedicato all’argomento che ti invitiamo a leggere: La chiropratica per la sindrome del tunnel carpale.

Andiamo avanti e vediamo qual è l’approccio chiropratico alla scoliosi.

La chiropratica per la scoliosi

La scoliosi è un problema che qui alla clinica Sanrocco affrontiamo anche quando affligge bambini e giovanissimi (sì, la chiropratica è adatta anche ai bambini). Le nostre osservazioni sono rivolte prima di tutto a capire se siamo di fronte a un atteggiamento scoliotico o a una scoliosi strutturale.

Nel primo caso la curva scoliotica è visibile solo quando il soggetto è in piedi, mentre scompare quando si flette il tronco o quando ci si sdraia a pancia in giù. Quello che facciamo è ricercare e correggere la disfunzione che causa la curva come, per esempio, una dismetria degli arti inferiori, ossia una differenza nella lunghezza delle gambe.

Nel caso di una scoliosi strutturale – ossia quando la deviazione della colonna resta invariata in qualsiasi posizione – l’obiettivo della chiropratica è riportare il corpo alle migliori condizioni possibili. Interveniamo sul funzionamento del sistema neuromuscoloscheletrico in modo che il sistema nervoso possa comunicare al meglio con l’organismo, anche in presenza di questa deviazione della colonna vertebrale.

Rispondiamo alla domanda che abbiamo fatto all’inizio dell’articolo: perché affidarsi alla chiropratica per questi problemi?
1. Perché la chiropratica non si ferma al sintomo ma va a fondo fino ad arrivare alla causa.
2. Perché i trattamenti chiropratici sono del tutto naturali e possono evitare il ricorso a terapie invasive.
3. Perché la chiropratica va ben oltre l’eliminazione del dolore e mira a restituire a ognuno un corpo con il più alto livello di energia possibile.

Hai delle domande? Contatta uno degli studi Sanrocco: siamo a Como e a Reggio Emilia.