Approfondimenti

Pensa bene, vivi meglio: il pensiero positivo in pratica

By 29 Marzo 2019 Giugno 16th, 2019 No Comments

come allenare il pensiero positivo
Noi chiropratici siamo sostenitori e divulgatori del pensiero positivo: crediamo infatti che la nostra vita emotiva influenzi il nostro benessere. E non siamo gli unici. Ci sono molti studi che hanno indagato la correlazione tra pensiero (negativo e positivo) e salute.

Benché sia un campo di ricerca complesso, in cui c’è ancora tanto da fare, molti studi hanno osservato come il pensiero positivo influisca fortemente sulla salute mentale e fisica e sulla qualità della vita. La domanda è: come si fa a pensare positivo? Il pensiero positivo si può allenare?

In questo articolo, vogliamo passare in rassegna con te alcune affermazioni e trarre consigli da mettere in pratica nella tua quotidianità.

Scegliere i pensieri

La più grande arma contro lo stress è la nostra capacità di scegliere un pensiero piuttosto che un altro. William James – Psicologo e filosofo statunitense

Spesso, soprattutto nei momenti di stress, lasciamo che i pensieri negativi prendano il sopravvento senza opporre alcuna resistenza. Prendiamo una tipica situazione stressante: una discussione. Quante volte ti è capitato di litigare con qualcuno e di continuare a pensarci per giorni? E magari in quei giorni hai avvertito anche sintomi fisici: mal di stomaco, mal di testa, mal di schiena…

In una situazione del genere dobbiamo sviluppare la capacità di scegliere i nostri pensieri, di sostituire quelli negativi con quelli positivi. È una questione di allenamento e di attitudine, ma a volte anche le azioni che compiamo possono aiutarci a sviluppare questo “talento”. Per esempio, anziché chiuderti dentro casa a rimuginare, esci e vai a fare una bella passeggiata al parco: stare in mezzo alla natura – è dimostrato – ha un incredibile potere sulla mente.
terapia dello shinrin yoku
Provaci! Vedrai che ti aiuterà a far ordine tra i pensieri, a dissipare quelli rabbiosi per fare spazio, invece, a quelli positivi.

Cambiare atteggiamento

Se nella vita qualcosa non ti piace, cambiala. Se non puoi cambiarla, cambia il tuo atteggiamento. Non lamentarti. Maya Angelou – Scrittrice, poetessa e attivista per i diritti civili afroamericana

Per capire meglio come applicare questa affermazione nella vita, facciamo un altro esempio: stai vivendo un momento stressante a causa del lavoro; decidi di prendere qualche giorno di ferie per fare un viaggio e rilassarti ma ecco che un imprevisto ti mette i bastoni tra le ruote. La reazione istintiva sarà quella di pensare che non te ne va mai una dritta. E giù di pensieri negativi e lamentele!

Questo atteggiamento ti impedirà di fare l’unica cosa che potrebbe risolvere la situazione: cercare una soluzione per far fronte all’imprevisto. È normale: nei momenti si stress facciamo fatica a vedere più in là del nostro naso, ingigantiamo i problemi e, anche quando cerchiamo una soluzione, lo facciamo con uno spirito di rassegnazione: “Ci provo ma tanto già so che non risolverò nulla e dovrò rinunciare al mio viaggio!”.

Non solo: anche dopo essere riusciti a risolvere l’imprevisto, ci resterà addosso una sensazione spiacevole e penseremo che per noi non c’è mai nulla di facile, che per ottenere qualcosa dobbiamo sempre combattere. Il risultato? Portarsi la negatività in valigia, col rischio di rovinarsi la vacanza, tornare al lavoro con meno energie di prima e… continuare a lamentarsi. Come potremmo comportarci, invece?

Cominciamo dall’inizio. Se il tuo lavoro ti stressa, cerca di cambiare quelle dinamiche che causano stress: il tuo capo ti affida troppi compiti? Invece di accettare gli incarichi senza proferire parola, magari per paura di “macchiare” la tua reputazione di persona disponibile e diligente, parlagliene mostrandogli la tua agenda, e facendogli quindi capire che non c’è modo di portare a termine tutti quei compiti senza fare ore e ore di straordinari.

Proponigli magari una soluzione alternativa, così da fargli capire che la tua non è noncuranza o cattiva disposizione, ma che, semplicemente, c’è qualcosa che deve cambiare a livello di organizzazione. Magari ci sono compiti che non dovrebbero rientrare nella tua routine e che potrebbe svolgere qualcun altro all’interno dell’azienda. Oppure ci sono cose che si possono eliminare o modificare: per esempio ridurre il numero di riunioni. Questo significa cambiare le cose e cambiare atteggiamento.

E anche di fronte agli imprevisti puoi agire nello stesso modo: prima che si inneschi il meccanismo della lamentela, fai in modo di innescare quello della proattività. Invece di pensare a quanto la sfortuna ti perseguiti, pensa a quello che vuoi ottenere: passare qualche giorno di svago e spensieratezza, per ricaricare le pile e ricominciare. Una soluzione c’è sempre.

Se anche il problema non dovesse risolversi e l’imprevisto dovesse impedirti di portare avanti i tuoi piani… attivati per modificare i tuoi piani: anziché fare una vacanza, farai una gita fuori porta, oppure troverai un modo per passare a casa un weekend piacevole e tranquillo.

Parlare a sé stessi

La persona più influente che ti parla tutto il giorno sei tu stesso, quindi dovresti stare molto attento a quello che dici a te stesso. Zig Zaglar – Scrittore e speaker motivazionale statunitense

Quando qualcuno ci muove delle critiche ingiuste, ci arrabbiamo o ne soffriamo, ma hai mai pensato a quanto spesso siamo noi stessi ad auto-criticarci senza motivo? Basta pensare a quando ci guardiamo allo specchio e passiamo in rassegna tutti i difetti che vorremmo far scomparire.

Questo atteggiamento lo mettiamo in atto più di quanto crediamo, anche per cose che non riguardano l’aspetto fisico: “Non ho abbastanza preparazione”, “Non sono abbastanza in gamba”, “Sono troppo…”, “Sono troppo poco…”. E quante volte, invece, ci diamo una pacca sulla spalla per aver fatto bene qualcosa? Per essere riusciti a fare qualcosa che non avevamo mai fatto prima? Per aver risolto brillantemente una situazione?

Ecco: comincia a far caso non solo ai difetti ma anche ai pregi, non solo alle mancanze ma anche alle tue buone capacità. Anche questo aiuta a sviluppare il pensiero positivo.

Ti lasciamo con questa storiella che abbiamo trovato in rete.
cambiare punto di vista con il pensiero positivo
E se hai dubbi su quanto faccia bene alla salute essere ottimisti, leggi il nostro articolo sui benefici del pensiero positivo.